• Tatjana Laban

CETINJE monumenti religiosi

Aggiornato il: mag 12


Monastero di Cetinje


Nel periodo 1701-1704 il metropolita Danilo, il primo sovrano della dinastia Petrovic-Njegos, fece erigere un nuovo monastero sul sito della corte demolita di Crnojevic, che divenne poi centro politico e spirituale del Montenegro.


Monastero di Cetinje

Il monastero di nuova costruzione ereditò la tradizione dell'antico monastero di Cipur - parte delle piastre con lo stemma di Crnojevic e l'iscrizione alla cattedrale sono incorporate nella sua architettura. Nei tempi difficili che seguirono le continue battaglie con gli invasori ottomani, il monastero di Cetinje fu ripetutamente distrutto e bruciato - nel 1712, 1714, 1785, ma fu sempre rinnovato e ampliato dal popolo metropolitano e fedele di Cetinje. Il suo aspetto attuale, per la maggior parte, risale al 1786, completato con un ultimo restauro nel 1927.

Nella chiesetta del monastero con una bellissima iconostasi - opera di maestri greci del XIX secolo, ci sono le tombe del principe Danilo e del Granduca Bozo Petrovic.

Nella chiesa sono conservate reliquie eccezionali di fama mondiale;

Sacri resti del metropolita Pietro I-San Pietro di Cetinje,

statista, sacerdote, scrittore, conciliatore delle tribù montenegrine e fondatore dello stato del Montenegro nel nuovo secolo.

Il pugno di San Giovanni Battista.

Frammento della Vera Croce.

Tutto è esposto nelle bare d'oro tempestate di pietre preziose.

Creato per centinaia di anni, il Tesoro del monastero di Cetinje rappresenta una delle collezioni museali di tipo sacrale più ricche e significative dei Balcani. Questo prezioso fondo storico e artistico, che può essere rintracciato cronologicamente dal XIII al XX secolo, è costituito da vecchi manoscritti e libri stampati, opere di icone, ricami ecclesiastici, antichi orafi, sculture, ecc. Non sempre è possibile visitare la straordinaria tesoreria del Monastero,

e sopratutto alla visita del monastero e obbligatorio abbigliamento adeguato, e non è permesso scattare delle foto.


Grande "Guvno" (aia)

Fronte ingresso al Monastero c'è un grande "guvno" (aia),

che ha avuto un ruolo importante nella storia e nella cultura del Montenegro: è stato usato dai sovrani montenegrini come luogo per prendere le decisioni politiche e giudiziarie.





Chiesa Valacca (Vlaska crkva)


Vlaska Crkva

Il tempio più antico, anche l'edificio più antico di Cetinje, costruito intorno al 1450 dai pastori - Vlach che, secondo la leggenda, lo eressero a forma di fango nella baita.

Il tempio è stato ampliato e ricostruito più volte. Da qualche parte nel sedicesimo e diciassettesimo secolo, un terzo di un edificio più piccolo fu costruito in pietra rispetto a quello esistente, che probabilmente fu dipinto in tecnica ad affresco. Le attuali forme architettoniche - una struttura a navata unica finemente costruita con un campanile a forma di campana - risalgono al tempo dell'ultimo importante restauro nel 1864. Sotto le due vecchie lapidi di fronte alla chiesa, secondo la leggenda, sono sepolti il famoso eroe montenegrino Bajo Pivljanin e sua moglie, le lapidi risalgono al XIV secolo. La recinzione con la quale è circondata la chiesa di Valacca è stata ricavata dalle botti di 1.550 fucili di turchi catturati in periodo di battaglie con l'impero Ottomano.



Resti del antico Monastero Crnojevic

I resti dell'antico Monastero Crnojevic

Curioso il perché della costruzione di questo monastero.

Durante il suo temporaneo esilio in Italia nel 1479, il signore montenegrino Ivan Crnojevic visitò la città di Loreto e la famosa chiesa di pellegrinaggio dedicata alla Vergine. A Loreto, giura alla Beata Vergine Maria che, se mai tornasse in patria, avrebbe eretto un monastero per lei e per la sua gloria. Al suo ritorno costrui il monastero nel 1784, che venne consacrato l'anno dopo. Ivan Crnojevic, appassionato di scrittura e di libri, verso la fine della vita inizio a lavorare alla formazione della prima macchina da stampa nei Balcani. La sua idea venne messa in pratica dal suo successore, e nel 1490 gli venne consegnata una tipografia, la quale tra 1494 è 1496 servi al monaco Makaria ed ai suoi collaboratori per eseguire la prima pubblicazione del libro "Oktoih", primo in assoluto scritto in cirillico dagli Slavi del sud, con altri quattro libri in seguito, che divennero il modello per tutte le opere di stampa cirillica.

Fino alla distruzione da parte dei turchi nel 1692, il monastero di Crnojevic era il principale centro religioso del Montenegro: ospitava metropoliti montenegrini, lì venivano prese le decisioni politiche, ed è stato il momento di grande sviluppo e di espansione del Primo principato del Montenegro.


Chiesa di Cipur, la Capella Reale


Oggi, sul sito dell'antico monastero si trova una splendida chiesa con una cupola, costruita nel 1886 dal principe montenegrino Nikola I, una sorta di tempio commemorativo della corte, come evidenziato nella parte dell'iscrizione della cattedrale, sopra la porta d'ingresso occidentale, che menziona il precedente edificio Duca Ivan Crnojevic.

Chiesa di Cipur

L'interno del tempio è dominato dalla sontuosa iconostasi dorata, opera di iconografi di San Pietroburgo, eseguita alla fine del XIX secolo.

Nel 1989, i resti del re Nicola I e della regina Milena e delle loro due figlie morte in esilio, furono trasferiti da Sanremo e conservati in tombe di marmo nella chiesa.

Un'altra lapide fu posta di fronte all'iconostasi per ospitare le reliquie del Duca Ivan Crnojevic.

Così oggi si trovano uno di fronte all'altra, i fondatori della città di Cetinje, i signori del Montenegro, il Duca Ivan Crnojevic e il Re Nikola I Petrovic, sotto il cui dominio fiorì la città e il piccolo principato, divenuto il regno in seguito.


A fianco del Monastero di Cetinje, c'è una piccola strada, che affianca Vladicinu bastu, il giardino del monastero, e porta a Orlov Krs, Pietra dell'Aquila. Una breve escursione verso questa meta con immersione nel verde, porta al piccolo Mausoleo dedicato al Principe-Vescovo Danilo I. Questo belvedere offre un splendido panorama su intera vale di Cetinje e verso il monte di Lovćen.

Oggi Cetinje è diventata tra le mete più importanti per i viaggi di pellegrinaggio di religione ortodossa del tutto Est europeo.


20 visualizzazioni
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • Bianco LinkedIn Icon
  • White Twitter Icon

Ciaooo. Se sei qui a leggere qualcosa di me, sono felice. Ti ringrazio e ti dò il benvenuto nelle speranza che tu possa trovare interessanti le mie parole, immagini e l'esperienze che vorrei condividere con te.

Leggi ancora

 

Agobatrip 2019 by Tatjana Laban

News letters